Nontiscordardime

 

e se la vita avesse una matrice

e il mondo intorno fosse solo il contorno

di una storia scritta dalla memoria… 

un viaggio di ritorno 

al grande girotondo?

 

o forse sono io

che vivo nel bisogno del ricordo

da quando sono nato

e non mi accorgo

che la mia vita è quasi sempre un sogno

allucinato ancora da quel giorno

 

occhio

 

un giorno dopo l'altro

ricordo dopo ricordo

ho fatto la mia strada

a bordo del mio corpo...

mi son portato dentro

ogni frammento

  in questo firmamento

di informazioni a portata di dito

in cui col nostro indice possiamo

fare presente i nostri desideri

come chiedevamo le cose da bambini

ci viene da voler toccare il cielo

e avere tutto e in fretta...

e allora dai!

moltitudine umana,

sotto a chi tocca...

 

 

 sono morti i tempi morti

siamo presi tutti quanti

siamo come replicanti

chi ha un'idea si faccia avanti...

 

aggrappato al travaglio del passato

così ragliava il mulo:

l'han mandato affanculo...

 

noi che abbiamo fatto

il nostro tempo

possiamo abbracciare

il cambiamento

e lasciare lo spazio

a chi è venuto dopo:

è il nostro tempo

che deve morire...